Shopping natalizio: e se i tuoi clienti li aiutasse un beacon?

Shopping natalizio: e se i tuoi clienti li aiutasse un beacon?

Secondo Business Insider, la tecnologia beacon sta superando la fase di testing e sarà perfezionata da numerose piattaforme in tempo per le festività natalizie e di fine anno.

Nel 2014, infatti, si è registrato un aumento del 174% nell’uso di App dedicate – o comunque legate – allo shopping (fonte: l’articolo già citato in apertura, da Business Insider). Il 2015, invece, sembra essere l’anno delle conferme, con riscontri positivi da numerose piattaforme basate sulla tecnologia beacon nonché aziende e startup.

Insomma, le feste stanno arrivando e il proximity marketing è sempre più semplice e alla portata di ogni realtà.

E per il tuo Business, ci hai pensato?
Sei pronto a provare la tecnologia beacon e a inserire il proximity nelle tue strategie di marketing? Ti stai chiedendo come reagirebbero i tuoi clienti?

Imparare dagli errori di altre tecnologie

La possibilità di rintracciare facilmente contenuti digitali in un preciso luogo fisico è iniziata con il QR code, sviluppato per la prima volta nel 1994.

 

Il codice QR (abbreviazione di Quick Response, risposta rapida) è un codice a barre bidimensionale di forma quadrata. All’interno del codice vengono memorizzate informazioni destinate, di solito, a essere visualizzate da smartphone e tablet. Il dispositivo destinato a ‘leggere’ il codice deve avere un apposito programma di lettura, di solito si utilizza una App QR reader. I QR Code possono contenere link a siti o a specifiche pagine o articoli, moduli di iscrizione, testi con informazioni di contatto.
In sostanza attraverso il QR Code, senza alcuna digitazione diretta, l’utente può visualizzare specifici link e seguirne i contenuti.

Tra il 2009 e 2010 era diffusa la convinzione, nei professionisti di settore, che per la prima volta la tecnologia dei QR Code avrebbe creato un collegamento diretto tra il web e un contesto reale: sempre più spesso era possibile vedere QR Code ovunque, nelle etichette dei prodotti, come adesivi sulle vetrine, nelle pubblicazioni cartacee e così via. Eppure secondo una ricerca condotta da Inc. e pubblicata nel 2012, il 97% dei consumatori non sapevano cos’era un QR Code e faticavano a districarsi nelle opportunità offerte dagli store per scaricare App in grado di leggerli. Infine nel 2014 ci si interrogava se potesse essere considerato “morto” (come in un articolo su HubSpot Blogs).

Numeri e statistiche a parte, giunti ormai a fine 2015 possiamo confermare che questa tecnologia non si è diffusa tanto quanto preannunciava il potenziale stesso dello strumento che – tra l’altro – è diventato facilmente realizzabile anche senza particolari conoscenze tecniche (grazie a semplici programmi di generazione anche online), è rimasta relegata a usi specifici, a volte di nicchia, e resta tutt’ora poco noto tra la media dei consumatori.

Naturalmente le ragioni dei modesti risultati del QR Code non sono riconducibili esclusivamente alla bassa conoscibilità e la scarsa diffusione pratica negli usi; tuttavia la barriera creata dall’impossibilità di avvertirne il potenziale ha contribuito.

Educare il mercato

Ogni nuova tecnologia ha bisogno di tempo per essere testata, introdotta e per entrare, di fatto, nelle abitudini dei consumatori.

Ne abbiamo scritto anche in un precedente articolo – I miei clienti non capiscono i beacon.

Ciò che è accaduto con il QR Code, seppure con le dovute specifiche ed evitando di generalizzare, è – in sostanza – che è mancato un passaggio importante nell’introduzione delle tecnologia: educare il mercato.

In pratica sia la Domanda che l’Offerta, le persone a comporle, nei vari mercati di riferimento, non sono riusciti a comprendere il QR Code, lo hanno provato poco, spesso abbandonato ma anche poco capito.

D’altra parte se non avverti il potenziale di “qualsiasi cosa” te ne dimentichi il più in fretta possibile.

Shopping natalizio

La tecnologia beacon è in progressione, si moltiplicano i progetti d’uso da parte di aziende, diverse realtà di settore stanno terminando la fase beta e i prodotti sono sempre più stabili e semplici.

Le prossime festività possono essere l’occasione giusta per:

  • valutare le reazioni dei tuoi clienti anche proponendo informazioni e contenuti extra diversi nel corso delle settimane di festa e favorire spiegazioni e chiarimenti sul valore aggiunto;
  • verificare l’inserimento della tecnologia nelle strategie dell’azienda: per capire se e quanto può essere funzionale per la tua realtà e con che tempistiche realistiche;
  • personalizzare l’approccio comunicativo e di marketing fornendo ai clienti nuove esperienze durante lo shopping;
  • sfruttare il potenziale del periodo delle festività natalizie e di fine anno, favorendo conoscenza e fidelizzazioni del tuo target di riferimento in un momento che tende ad avere picchi di necessità in taluni settori.

E se i tuoi clienti li aiutasse un beacon?

Magari non sarà proprio “un beacon” in carne e ossa, ma una piattaforma di prossimità in grado di affiancare il tuo Business, fornendoti gli strumenti e le risorse!

  • Potresti organizzare un evento interattivo per sostenere i tuoi prodotti o servizi quanto per condividere gli auguri con i clienti e favorirne la fidelizzazione > se hai bisogno di orientarti puoi seguire la nostra breve guida pratica;
  • Potresti integrare i beacon nelle attività per le feste ad esempio inserendoli nei negozi, nelle vetrine, tra i banchi se parteciperai a mercatini, o negli stand se l’azienda sarà presente a Fiere in dicembre o ancora durante ‘live’ musicali, eventi culturali o spettacoli > se hai bisogno di idee concrete puoi iniziare da questo articolo: Beacon e proximity marketing: 5 aiuti per il tuo Business 

.

 Ti serve aiuto?

  • Lo staff di Ubiika è a disposizione per valutare idee, sostenere progetti e affiancare realtà in ogni settore nella realizzazione di strategie con il proximity marketing, eventi interattivi e ogni altra necessità a unire il mondo fisico con quello digitale. Maggiori informazioni. Contatti.
 

Photo credit immagine in apertura

 

Share this Story

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>