Retail e marketing di prossimità

Retail e marketing di prossimità

Sempre più acquisti vengono fatti online: come i negozi fisici possono sfruttare la tecnologia per non soccombere?

Lo shopping online è ormai un’abitudine consolidata per, quasi, tutti: acquistare un prodotto o servizio stando tranquillamente seduti sul divano di casa è un’azione sempre più quotidiana.

Se da una parte c’è la comodità e un’esperienza piacevole per gli acquirenti, dall’altro lato della medaglia c’è la difficoltà dei negozi fisici di attirare clienti e compratori superando la concorrenza, sempre più agguerrità degli store online.

Per sostenere e aiutare i negozianti fisici a utilizzare la tecnologia come strumento di promozione, in India, la software house Interaction One ha recentemente lanciato l’app Mobmerry.

L’applicazione di proximity marketing collega i rivenditori ai consumatori, aiutando quest’ultimi a scoprire prodotti, suggeriti in base alle loro preferenze, presenti all’interno dei negozi delle loro città, ricevendo inoltre sul proprio smartphone notifiche in tempo reale riguardanti l’arrivo di nuovi prodotti e offerte e sconti grazie ai beacon installati all’esterno degli esercizi pubblici.

Come funziona l’applicazione

Grazie all’utilizzo di algoritmi in grado di analizzare le preferenze degli utenti, l’applicazione è in grado di inviare notifiche su prodotti presenti all’interno dei negozi che possono essere interessanti per gli utenti stessi, portandoli magari a mettere piede all’interno di store dove non erano mai entrati: il consumatore ha così un’esperienza personalizzata in grado di migliorare l’esperienza d’acquisto complessiva. (fonte)

Per i dettaglianti l’uso dei beacon e della tecnologia BLE consente di inviare messaggi promozionali personalizzati direttamente agli utenti che potenzialmente sono i più interessati a quel messaggio e gli aiuta a comprendere meglio il comportamento dei propri clienti o potenziali tali, puntando a diventare il negozio di fiducia per i loro acquisti.

Krishna Prasad, CEO di Interaction One, ha distribuito più di 1000 beacons in tutta la città di Bengalore, rendendola l’area con più densità di beacon in tutta l’India, con l’obiettivo di aggiungere altri 300 beacon in tutto il centro città per migliorare l’esperienza di shopping e rendere i negozi fisici sempre più appetibili e in grado di competere con gli store online. (fonte)

Come sfruttare i dati raccolti

La grande mole di dati messa così a disposizione, come gli acquisti più frequenti o i giorni della settimana in qui gli utenti sono più numerosi, incrociabile con le informazioni provenienti anche dai social e da altri fonti, permette lo sviluppo di progetti che, grazie alle nuove tecnologie legate al mondo dei Big Data, possono consentire ai negozianti o alle catene di negozi di creare offerte sempre più personalizzate e in grado di soddisfare le esigenze dei potenziali clienti.

Mobmerry è solo uno dei tanti esempi di come i beacon e la tecnologia BLE consentano di unire il mondo fisico e il mondo digitale, fornendo ai consumatore un’esperienza d’acquisto personalizzata e coinvolgente: quali altri casi vi vengono alla mente?

  • Lo staff di Ubiika è a disposizione per valutare idee, sostenere progetti e affiancare realtà in ogni settore nella realizzazione di strategie integrate con il marketing di prossimità, eventi interattivi e ogni possibile utilizzo pratico e funzionale della tecnologia beacon. Ubiika è una piattaforma di prossimità sicura, funzionale, e semplice in grado di affiancare le necessità di realtà e settori diversi, con personale qualificato e opportunità d’uso già realizzabiliMaggiori informazioni. Contatti.

 

Photo credit

 

Share this Story

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>