Halloween e Beacon

Halloween e Beacon

Halloween e Beacon: la compagnia teatrale The Virtual Stage utilizza i beacon per coinvolgere gli spettatori-protagonisti nell’ultima avventura teatrale dedicata al mondo degli zombie.

31 ottobre, notte di Halloween, notte dedicata al mondo dell’horror e del brivido.

Proprio sul mondo del brivido, nello specifico agli zombie, è incentrato l’ultimo spettacolo interattivo “The Zombie Syndrome: Dead In The Water” presentato dalla compagnia teatrale canadese The Virtual Stage. (fonte)

Durante lo spettacolo – ambientato per le strade di Granville Island, quartiere di Vancouver e in replica dal 4 al 31 ottobre – gli spettatori, armati di smartphone, interagiscono con i beacon posizionati nelle strade e ricevono sul proprio device informazioni, indovinelli e rompicapi da risolvere per proseguire nella storia: l’obiettivo è dare la caccia al genetista Mattias Van Cleave, e al suo esercito di zombie, e salvare l’agente delle forza speciali Frank Johnson, tutti impersonati dagli attori della compagnia.

Il direttore artistico di The Virtual Stage Andy Thompson, non nuovo a esperimenti di integrazione tra tecnologia e teatro, racconta: “Fin dal primo Zombie Syndrome per le strade di Yaletown, nel lontano 2012, l’uso di smartphone per completare puzzle e percorsi è stato fondamentale per l’esperienza del pubblico. Nel nostro quinto anno, stiamo puntando in alto per essere la prima compagnia teatrale in Canada a integrare la tecnologia BLE all’interno di uno spettacolo. Questa tecnologia potenzia l’interattività e facciamo cose che abbiamo sempre voluto fare, ma che fino ad ora non erano possibili“. (fonte)

Ogni rappresentazione è riservata a un numero massimo di 18 spettatori che, una volta installata l’applicazione gratuita sul proprio dispositivo, sono chiamati in prima persona a prendere parte alla rappresentazione interagendo con i beacon installati nell’ambiente e con gli attori presenti lungo il percorso: un’esperienza altamente coinvolgente che ha sicuramente regalato qualche brivido ai fortunati partecipanti!

Ph.Credit

Share this Story

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>