[Come si fa] Perché personalizzare la App?

[Come si fa] Perché personalizzare la App?

Nei precedenti articoli abbiamo chiarito cosa s’intende per App marketing e quali sono i 6 aspetti principali da non trascurare quando si realizza una App.

In particolare oggi approfondiamo le personalizzazioni.

Perché personalizzare la App?

Dopo tutto il lavoro per definirne la struttura, magari con tocchi di originalità, impostando interazioni, contenuti e condivisioni, proponendo connessioni con il sito e i social… perché spendere altro tempo a personalizzare la App?

Il coinvolgimento dell’utente è da sempre uno degli elementi che decretano il successo o il fallimento di una App e per realizzarlo è fondamentale definire contesti e azioni personalizzate.

Innanzi tutto personalizzare non va inteso semplicemente come lo sforzo di diversificare la propria App rispetto al funzionamento di altre magari di Brand che operano nello stesso settore. Anzi.
Personalizzare significa soprattutto far sentire unico l’utente, fornirgli contenuti, contesti, immaginazioni e servizi che possano coinvolgerlo personalmente, come individuo con interessi e caratteristiche anziché come utilizzatore medio.

Un esempio? Se è previsto l’invio dalla App di notifiche push, è fondamentale che i contenuti siano rilevanti per chi li riceve, che lo rappresentino nel momento in cui riceve la notifica stessa.

L’obiettivo, in sostanza, è quello di costruire un interesse e un legame che cerca di abbattere le standardizzazioni, laddove sempre più spesso gli utenti sono informati, attenti e alla ricerca di quel “valore aggiunto” che può convincerli a seguire qualcosa o qualcuno in mezzo all’immenso ‘mare’ di offerte e opportunità.

Acquisire dati per perfezionare le personalizzazioni

All’interno della strategia di App marketing è decisiva la possibilità di ricavare statistiche e utili informazioni dagli utenti. Partendo da indicazioni come le preferenze rispetto ad azioni e prodotti proposti, comportamenti d’acquisto, momento della giornata in cui si usa la App, luoghi e azioni più ricorrenti, è possibile personalizzare percorsi, azioni e notifiche dalla App favorendo così una conoscenza meno standardizzata e dando all’utente un servizio più in linea con le effettive necessità e bisogni.

Le informazioni ottenute attraverso la App, rientrano così nel funzionamento della stessa delineando un profilo d’uso sempre più specifico, che rappresenta l’utente fornendogli contestualmente contenuti, indicazioni e azioni in linea con quanto precedentemente rilevato (ovvero rispetto all’uso che è stato riscontrato fino a quel momento).

Tu sei speciale

Alla base di ogni strategia di comunicazione e marketing, c’è la necessità di trovare chiavi di accesso per entrare nel mondo del potenziale cliente.

Inoltre le recenti evoluzioni tecnologiche, l’uso del web e di nuovi strumenti comunicativi (prima ancora che di marketing in senso stretto) ha favorito lo sviluppo di dinamiche che mettono l’utente al centro di un mondo di immaginazioni, proposte, azioni, connessioni.

“Tu sei speciale” è un messaggio in apparenza semplice, fors’anche banale, eppure potente, che vira rispetto all’omologazione dell’industrializzazione di massa sottolineando quanto ogni nuovo contatto è importante, speciale per l’appunto.

Ecco perché le personalizzazioni sono sempre più determinanti nell’App marketing: direttamente nel proprio smartphone, nel luogo e nel posto che ha scelto, la possibilità di ricevere qualcosa che tiene conto di chi è l’utente, di cos’ha fatto in precedenza, di abitudini e preferenze è un decisivo valore aggiunto nel percorso di finalizzazione da App.

Share this Story

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>