Beacon per la Pubblica Amministrazione: 4 esempi d’uso

Beacon per la Pubblica Amministrazione: 4 esempi d’uso

Anche la Pubblica Amministrazione può utilizzare con propositività le tecnologie con beacon per rendere – informazioni e contatti – più a “misura di cittadino”.

Come?
Proponiamo di seguito alcuni esempi pratici, che possono essere sviluppati e personalizzati a seconda della realtà specifica ma che forniscono già indicazioni concrete.

1. Informazioni nelle sale d’attesa

Che si tratti dell’URP o di un ufficio specifico (come l’anagrafe o l’ufficio tributi), collocandovi beacon si possono inviare informazioni ai cittadini che si trovano in prossimità, ovvero in attesa del proprio turno. E’ così possibile consentire l’accesso a contenuti e indicazioni, ancor prima di parlare con gli addetti, aiutando il cittadino a rintracciare spiegazioni e informazioni legate all’ufficio di competenza.

Allo stesso tempo attraverso la App la PA può acquisire utili indicazioni sulle necessità dei cittadini, sui servizi più richiesti, le informazioni meno chiare o le istruzioni mancanti.

2. Ricerche in biblioteca

Inserendo beacon in biblioteca, si possono creare “punti di ricerca” legate a specifici settori e argomenti, dove richiamare – ad esempio – un motore di ricerca online della biblioteca stessa, oppure per verificare la disponibilità di volumi o l’effettiva presenza del libro cercato.

Come per le sale d’attesa, anche in biblioteca è possibile inviare notifiche con contenuti ad hoc, approfondimenti di autori e libri, risorse collegate, volumi consigliati. Chiunque entra in biblioteca può ridurre i tempi di ricerca e seguire informazioni personalizzate a guidarlo nella scelta di libri, sollecitando curiosità e connessioni anche grazie alle informazioni acquisite attraverso la App.

3. Contenuti riservati

Attraverso i beacon i singoli uffici della Pubblica Amministrazione possono programmare contenuti riservati per chi si reca negli uffici stessi, fornendo un servizio aggiuntivo regolamentato dall’uso della App e dalle informazioni di accesso degli utenti: il cittadino potrebbe così ricevere direttamente nel proprio cellulare l’ultimo modulo appena reso disponibile per l’iscrizione alle scuole, un’esenzione sanitaria, una richiesta da compilare e molto altro. Oppure può acquisire un codice riservato per ritirare direttamente allo sportello il modulo specifico o il documento ufficiale richiesto.

Recandosi agli sportelli, la presenza di beacon può ridurre i tempi di attesa e facilitare le comunicazioni grazie alle informazioni già acquisite attraverso la App.

4. Aggiornamenti su eventi e attività

Che si tratti dall’ingresso principale, dell’area attorno all’URP, quanto altri luoghi pubblici con bacheche e affissioni: integrandoli con i beacon il cittadino potrebbe ricevere in tempo reale aggiornamenti e news su eventi, corsi di formazione, workshop e ogni altra iniziativa promossa e curata dalla Pubblica Amministrazione.

Concerti, laboratori, corsi, fiere e sagre, mercatini, feste di quartiere o di paese, celebrazioni, presentazioni… ogni iniziativa può diventare facilmente accessibile a chiunque, semplicemente passando in prossimità di specifici luoghi, attraverso una notifica il cittadino può acquisire ogni informazione sull’evento, inserirlo nel proprio calendario, verificare il luogo esatto dove si svolgerà dalla mappa integrata e molto latro.

La piattaforma di Ubiika può essere utilizzata da qualunque Pubblica Amministrazione: consulta il nostro sito e chiedi maggiori informazioni

Photo credit immagine in apertura

Share this Story

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>